Riportiamo la trascrizione , grazie a Paola Broccoli, dell’intervento di Massimo Cacciari alla presentazione dello Speciale Infinitimondi dedicato ad Andrea Sparaco che si è tenuta a Caserta lo scorso 29 ottobre promossa e coordinata da Pasquale Iorio.



“E’ importante mostrare e far conoscere Andrea, attraverso le sue opere. Per questo invito tutti voi caldamente a fare, a preparare, per le prossime occasioni a predisporre mostre, esposizioni con le opere di Andrea. Questo è la cosa prioritariamente necessaria da fare. A me la ricerca artistica di Andrea è sempre sembrata molto interessante, perché riusciva a combinare varie tendenze. C’erano aspetti figurativi della sua ricerca, aspetti che ricordavano certe scomposizioni cubiste e post cubiste, c’erano tonalità espressioniste, cioè era una persona che nella sua ricerca portava avanti anche una grande cultura. Andrea era una persona che aveva studiato storia dell’arte e storia dell’arte contemporanea in particolare. Non c’era niente di immediato e di intuitivo nella sua pittura e nella sua vicenda artistica, era tutto molto meditato e questo è un aspetto importante della persona, in momenti in cui spesso anche l’azione politica e l’impegno politico, che vedeva sempre Andrea in primo piano, diventava o tendeva a diventare molto demagogico o come si dice propagandistico. Andrea era sempre uno che rifletteva, che pensava che meditava, uno di poche parole, ma quelle poche sempre sensate. Non ho mai sentito una frase a caso detta da Andrea, né nella materia che gli interessava che è la sua arte, né in campo sociale e in campo politico e questo fa di lui una persona vera, una persona a tutto tondo, una persona davvero impegnata a riflettere sul suo lavoro, in qualunque campo il lavoro si svolgesse. Quindi di nuovo faccio molti complimenti a tutti voi per averlo voluto ricordare. Mi spiace molto non essere con voi in questa occasione e con tutti i familiari e gli amici di Andrea con il quale continuo ad avere un ricordo davvero pieno di stima e di affetto. Ci vedevamo magari poco, ma praticamente almeno una volta all’anno, nelle mie venute casertane, non mancava mai Andrea e non mancavano mai il discorso, la discussione con lui, la cena insieme ecc. quindi è una amicizia vera che ricordo con infinito piacere e con infinito affetto. Mi auguro per la prossima occasione di poter essere con voi, per ricordarlo non solo a parole ma davanti ai suoi quadri, alle sue opere, davanti ai suoi dipinti. Andate avanti con la mostra e volentieri sarò presente…”

Massimo Cacciari.


  • La foto di Massimo Cacciari è tratta da Wikipedia
Print Friendly, PDF & Email

Vuoi ricevere un avviso sulle novità del nostro sito web?
Iscriviti alla nostra newsletter!

1 commento

  1. grazie anche a Massimo Cacciari, molto belle le opere qui presentate di Andrea Sparaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *