di Rosanna Bonsignore

Nel delizioso angolo della Costiera Amalfitana incastonato tra le tipiche colline e gli inconfondibili tratti rocciosi, dove Ravello domina dall’alto e Maiori è raggiungibile con pochi passi “sospesi” tra cielo e mare, brilla di luce propria Minori: ANTICA RHEGGINA MINOR, che conserva tuttora testimonianze romane, vestigia medioevali e pagine prestigiose della propria storia.
Già a novembre aleggiava a Minori un’atmosfera natalizia tra le stradine e i piccoli giardini che si innalzano verso l’alto, nella piazza dove è regina la Basilica di San Trofimena che conduce all’abbraccio del mare: lo stesso borgo in inverno suggerisce il fascino di un presepe.
Forte era il desiderio di preparare un programma straordinario per il vicino natale 2020 rivolto soprattutto a bimbe e bimbi, a ragazze e ragazzi sin dal giorno 26 novembre in festa per la patrona di Minori S. Trofimena e, come da tradizione, giorno dedicato ogni anno anche all’inaugurazione delle luminarie natalizie.

FOTO-3




Viviana Bottone , consigliere comunale con delega alla Pubblica Istruzione, ha raccontato “Tutto è nato così. Un giorno il nostro sindaco Andrea Reale mi convoca per comunicarmi di aver scelto la fiaba “Alice nel paese delle meraviglie” come tema delle luminarie per questo Natale, così particolare perché fatto di tante sospensioni e denso di preoccupazioni. Mi chiede di dare spazio al mondo delle fiabe per dedicarlo ai nostri bimbi/ragazzi e a quelli di tutta la Costa d’Amalfi con l’obiettivo di sostenerli di più con fantasia, allegria e con messaggi in positivo in questo periodo irto di difficoltà anche per loro. Subito è scattato qualcosa in me. Dopo pochi giorni ho incontrato il primo cittadino per comunicargli l’idea che mi era sorta dopo il nostro incontro: far nascer la pagina fb La Luce del Natale-Children in wonderland ispirata ad “Alice nel paese delle meraviglie” e aperta ad altre favole, a canti natalizi creati in aule scolastiche con dovuto rispetto delle attuali norme, a video fatti da genitori, a giochi e a tutto ciò che potesse coinvolgere sempre più e in modo costante un po’ tutti”.
L’idea rapidamente si è trasformata in impegno attivo, rigoroso e fantasioso, creativo e concreto per realizzare un progetto inedito per il Natale 2020, inedito. Non iniziative come frammenti di divertimento, non eventi incantatori e sporadici, ma la composizione di un adeguato percorso culturale quotidiano gioioso, fantasioso, accogliente per libere espressioni artistiche (individuali e/o di gruppo) e aperto a piccoli e grandi, a genitori e a insegnanti, ad artisti e a persone di buona volontà pronte a dedicare tempo per realizzare variegate iniziative – anche minime ma concrete, in autonomia e con dichiarata dimensione etica – utilizzando in modo artigianale e multiplo gli strumenti digitali il cui l’uso attento rivela belle potenzialità. E così negli ultimi giorni di novembre, su innumerevoli cellulari anche oltre i perimetri territoriali della costiera è stata accesa la pagina fb La Luce del Natale-Children in wonderland di Minori ispirata ad “Alice nel paese delle meraviglie”

Il connubio “La Luce del Natale 2020 – Children in wonderland” è stato vincente ed è giusto ricordare che   da anni ’ l’Amministrazione Comunale di Minori porta avanti un programma invernale per bambini, con il valido contributo di associazioni e con l’aiuto di giovani volontari ( in particolare Vincent Langella e Michele Mansi) che hanno subito condiviso  con le proprie competenze e abilità digitali  – quasi a tempo pieno – il progetto natalizio di questo difficile anno.

Viviana Bottone con velocità e infaticabile entusiasmo ha portato avanti il suo programma di lavoro orientandosi simultaneamente verso più direzioni:

  • ha aperto contatti e collaborazioni fertili tra i commercianti;
  • ha incrementato confronti e cooperazione con esponenti istituzionali dei comuni limitrofi;
  • ha dato spazio a proposte artistiche di chi da anni partecipa proficuamente al progetto di Incostieraamalfitana – Fiera del libro in costiera amalfitana;
  • ha diretto con perspicacia un’ attenzione fattiva ai concittadini genitori come migliori rappresentanti e tutori propositivi delle attitudini, dei giochi e degli interessi dei  propri figli di tutte le età.

Di fatto l’attuazione del “ progetto che parte dal basso” –  con la durata di circa 45 giorni  – è diventato un itinerario o un appuntamento giornaliero   valido  per l’innovazione introdotta che – quasi per necessità – ha superato i confini della tradizione natalizia senza mortificarla, anzi  valorizzandola nel rendere ancora più solidi e più belli  i sentimenti di comunità che avvolgono sempre i minoresi, sentimenti che rimangono intensi anche quando l’euforia  vacanziera li rende meno tangibili ai tanti turisti,   soprattutto se stranieri.

Il format della pagina fb La luce del Natale di Minori si è arricchito sin dal primo giorno di tante immagini di personcine nei grembiulini scolastici , di piccoli video familiari, di poesie recitate con semplicità disarmante, di graziose narrazioni di piccoli e grandi in spazi resi fiabeschi, di “lezioni di cucina tradizionale” super artigianali e adeguati a tutte le età, di presentazioni di disegni e collages sui temi della pace, ecc … per cui l’impegno editoriale ha richiesto ben presto un inaspettato lavoro quotidiano.

Quasi contemporaneamente, il sindaco ha fatto realizzare un’altra proposta complementare alla pagina fb La Luce del Natale: la filodiffusione di musica natalizia, di ogni tipologia, nelle principali aree del paese, come ulteriore suggerimento   a percepire, sentire più volte la magia avvolgente che l’intero progetto voleva e vuole ancora diffondere dando sempre centralità ai piccoli, anche attraverso la sensibilità e la cura serena dei grandi.

  • Dopo i primi tre giorni, la pagina ha raccolto immediatamente + di 1000 “mi piace” e ovviamente un maggior numero di visualizzazioni e di  visitatori; le mamme e i papà hanno iniziato a mandare contenuti, a rispondere a richieste e nel farlo, come noi auspicavamo, hanno subito costruito un mondo bellissimo coinvolgendo i propri figli e dedicando a quelli degli altri il proprio impegno” – ha ricordato Viviana Bottone, anche instancabile mamma –“ Abbiamo ottenuto subito la collaborazione di una delle storiche  associazioni “ Gruppo Scout 1 di Minori” che si è prodigata con entusiasmo  nella scelta accurata dei brani musicali di diversa tipologia. Un sincero grazie alla preziosa partecipazione di Mattia Ruocco perché con lui abbiamo dato inizio ad un percorso parallelo:   tramite la pagina  fb abbiamo chiesto a tutti di segnalarci  le proprie preferenze musicali. E così , annunciate con tanto di sigla, camminando per il paese (rispettando tutte le norme del periodo) le persone grandi e piccole potevano e possono passeggiare ancora  sulle note delle loro canzoni o  musiche preferiteUn’altra associazione  – l’Ars vivendi – è stata di grande aiuto con  un suo specifico sostegno: l’invio a noi delle  letterine ricevute perché,  come da tradizione, ogni natale ”Ars vivendi” sollecita a scrivere e ad  imbucare letterine  dirette a Babbo Natale che, in carne ed ossa e con la sua slitta con tanto di  renne,  nel mattino del 25 dicembre attraversa  festosamente il paese per fermarsi in piazza –  sotto l’enorme albero addobbato  per le festività natalizie –  e poi  distribuisce doni “.

Viviana Bottone, conosciuta in un crepuscolo settembrino nella sua Minori, ha contattato anche me.

Ed io mi sono ritrovata sinceramente vicina in una terra tanto amata da sempre. In un attimo ho ritrovato – con l’immaginazione illuminata da ricordi personali – il mare che si diverte a giocare con le insenature, le  punte aspre di roccia che sfidano il cielo, i terrazzamenti   testimoni della fatica agricola su declivi impervi nella loro dolcezza , le suggestioni di albe e tramonti, l’energia del sole e il languore della luna, i punti luce  delle stelle,  la dolcezza di questi borghi rivestiti di peculiari suggestioni che in questo periodo dell’anno  prendono ancora di più tutti i sensi.

Naturalmente ho detto SI.

Mi sono ritrovata in un singolare caleidoscopio di una pagina fb dove regna sovrano il meraviglioso mondo dell’infanzia e della primissima giovinezza, dove gli stessi adulti diventano fantastici “servitori” di bimbe e bimbi, ragazze e ragazzi. 

           E’ il luogo giusto – ho detto a me stessa, anche come presidente dell’Associazione Culturale no profit VIS ROBORIS – per dare spazio, finalmente, al libro (da me ben protetto dal 1980) IL PIANETA DEGLI ALBERI DI NATALE di GIANNI RODARI, con le illustrazioni di Bruno Munari.

Intuizione fertile per

  • chiudere l’anno 2020 in cui si è ricordato molto il centenario della nascita dell’insostituibile Gianni Rodari
  • dare risalto all’originale composizione del testo.

Ed ecco l’avvio a 24 appuntamenti di “lettura ad alta voce”, audio registrati con il mio semplice Samsung di circa 4 anni e con l’inserimento di immagini dei favolosi disegni di Bruno Munari. Inviati giorno dopo giorno con whatsapp e poi montati da Viviana. Con cura ho rispettato il cammino del libro e con molta attenzione, e direi tanta pazienza per neutralizzare le difficoltà tecniche sempre in agguato, ho cercato di comunicare il suo complessivo messaggio.

Dall’8  al 26 dicembre, con scadenza giornaliera,  sono state condivise le pagine della prima parte di IL PIANETA  DEGLI ALBERI DI NATALE in cui  è narrata la storia dell’esplorazione di questo fantastico pianeta vissuta da Marco, un ragazzino romano  – per me ben rappresentativo dei ragazzini dei giorni nostri – che , suo malgrado, viene portato a velocità supersonica  da un cavallo a dondolo nello spazio, per poi essere accolto in un mondo dove anche  i robot hanno ruoli considerevoli….lo stesso Gianni Rodari ha evidenziato nella sua premessa – definita spiegazione – “Il libro, dalla prima pagina all’ultima ( ma anche dall’ultima alla prima) è dedicato ai bambini di oggi astronauti di domani”. In questa prima parte regna il potere dell’immaginazione, nella seconda parte emerge un altro tratto della peculiare creatività di Gianni Rodari: la   magia di inserire tratti poetici  inaspettati, di spezzettare storie, racconti  e filastrocche per farne una nuova composizione, quasi come un giocare con un “Lego”- espressione più volte da lui stesso usata – ovvero  rompere una costruzione per ricrearne una diversa con gli stessi elementi. E’ un invito alla creatività, sempre con pensieri positivi e con riflessioni sussurrate di forte valenza umana.

Negli ultimi giorni di dicembre e nei primi giorni di gennaio ho dato il volo a qualche filastrocca presente nella seconda parte del libro ma ho  accolto anche l’invito prezioso di Gianni Rodari : ho aggiunto la lettura di “Il cane che non sapeva abbaiare “ ( Tante Storie per giocare, Einaudi 1977) perché – nel terzo finale proposto dallo stesso autore –  chiude così : E tra sé pensava commosso e felice: “Finalmente ho trovato il maestro giusto”.

Piccolo dettaglio : il racconto era nella mia programmazione prima della breve menzione fatta da Stefano Massini durante la trasmissione  serale  “ Ricomincio da RAI TRE”.

Link del primo  audio :   https://www.facebook.com/watch/?v=455863488757247

Il caleidoscopio “ La Luce del Natale del 2020 – Children in wonderland – di Minori si è arricchito sempre più: ogni giorno una sorpresa in più, ogni giorno qualcosa da sistemare e qualche iniziativa da trasformare (purtroppo il periodo è ancora cattivello), ogni giorno tasselli nuovi ed insoliti, ogni giorno più occhi sorridenti e sorrisi genuini,  ogni giorno  tanti modi diversi per colorare il presente invernale e dipingere la fiducia nel futuro.

Certamente   in questo singolare caleidoscopio emergono imperfezioni…ma la perfezione è noiosa, dovrebbero ricordarlo soprattutto gli adulti.



Rosanna Bonsignore

Print Friendly, PDF & Email

Vuoi ricevere un avviso sulle novità del nostro sito web?
Iscriviti alla nostra newsletter!

1 commento

  1. Salve!
    Chiedendo una gentile attenuante, segnalo che nell’articolo emerge un mio errore di trascrizione tecnica in riferimento alle mie letture “ad alta voce” nel progetto del Comune di Minori La Luce del Natale 2020:
    il link riportato corrisponde all’ultimo audio del 31 dicembre (in seguito quelli del 3, 4 e 5 gennaio).
    Il link con cui ho iniziato la lettura di IL PIANETA DEGLI ALBERI DI NATALE di GIANNI RODARI è
    https://www.facebook.com/watch/?v=373670037227339

    grazie dell’attenzione e ancora BUON

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *