Ho lavorato a scuola in epoca pre-lim, disponendo solo della lavagna luminosa (con lucidi preparati o acquistati), e della possibilità di proiettare documentari in biblioteca, previa prenotazione. La cosa che mi colpiva molto soprattutto su documentari, anche ben fatti, è che era difficile ai ragazzi fondere immagini, filo del discorso e tantomeno trama concettuale: La bella descrizione del sicrentismo culturale (quasi una sinestesia) cui si riferisce Iaia De Marco che piace tanto a noi adulti: vedere luoghi e immagini, ricostruzioni, alternare musica e voce, ascoltare i commenti di esperti, passare dalla fascinazione al rigore non risultava immediata ai ragazzi.
Un documentario abbastanza breve sull’apprendimento nei piccoli di scimpanzè che imparano a spaccare noci, a prepararsi fili d’erba per pescare termiti. L’apprendimento avviene tramite la madre, in una situazione affettiva protetta e calda che serve a sostenere i piccoli in vere e proprie crisi isteriche per la frustrazione di non riuscire.
Alla fine della proiezione: che avete capito, ragazzi? Provate a raccontare che avete visto e quali argomenti sono trattati nel documentario.
Professoressa, (in primis le femmine), come sono bellini i piccoli soprattutto quando vogliono essere abbracciati. Si, è vero sono molto bellini, ma intanto geograficamente dove ci troviamo? In una foresta. In che continente? Silenzio. Perché in questo documentario si parla di piccoli? Relativamente a quale loro comportamento? Silenzio. Forza, l’attenzione è centrata sulla loro capacità di imparare. Ah è vero non ci avevamo pensato. Ci insegna qualcosa il documentario nel confronto coi piccoli umani? Sgomento loro e disperazione mia. Almeno vi è piaciuto? Abbastanza, ma era un po’ lungo e in qualche momento ci scocciavamo.
Penso e ripenso a tutta la questione e a tentoni procedo così. Introduzione più ampliata di quanto avessi fatto in partenza e che soprattutto enucleasse da prima il tema centrale. Elenco di domande ai ragazzi cui dovevano rispondere durante la visione e l’ascolto. Quaderni, penne e lavoro attivo. Capivano molto meglio e i questionari erano fatti benino e in qualche caso proprio bene.
Nei ragazzi, la pluralità dei pensieri, linguistico, visivo, uditivo non si fonde naturalmente ed essi vanno educati a farlo. A scuola usano il canale linguistico, quello visivo su foto e post sui social, quello uditivo oltre che per ascoltare gli altri, è concentrato sulla “loro” musica.
Anche io ho guardato e esaminato almeno una piccola parte il materiale ottimo da utilizzare su Rai scuola, variegato, comprendente temi argomenti, modalità. Sono previsti livelli di partenza e di complessità diversi.
Per mia immensa ignoranza tecnica, non so se, integralmente o a spezzoni, possano essere inseriti nella piattaforma, stoppati ogni tanto e commentati da noi, altrimenti non ci resta che invitare i ragazzi a vedere delle cose scelte da noi, verificando se, anche in questo caso, giova vederlo noi prima, presentarlo e chiedere di fare operazioni attive di comprensione durante la lezione.
Nel mio uso, sia pur molto limitato di Zoom, sono però riuscita a ridurre più accettabilmente la mia faccia a un quadratino, condividendo lo schermo su materiale preparato ad hoc, un power point che può essere completato in simultanea, immagini da interpretare, o infine su una lavagna condivisa ottima per sintesi comuni o anche scrittura creativa.
Certamente Iaia De Marco parte dalla sua esperienza con studenti universitari, mentre i miei alunni a scuola erano sui 15 anni, mentre quelli di cui mi sto occupando ora a distanza sono addirittura sui 12.Questo sicuramente cambia le regole del gioco e della comprensione Sarebbe, però molto interessante capire gli studenti intorno ai 20 anni sono più affini a noi nel seguire programmi a n dimensioni o siano più simili ai loro fratelli minori.

Francesca Giusti

Print Friendly, PDF & Email

Vuoi ricevere un avviso sulle novità del nostro sito web?
Iscriviti alla nostra newsletter!

1 commento

  1. Francesca, trovo assai pertinenti le tue osservazioni e ci rifletterò. Il mio scopo era considerare la specificità del linguaggio di ciascun medium e quindi come utilizzarlo al meglio (e anche cosa utilizzare: programmi radio, televisivi, moduli di autoapprendimento per le lingue, ecc., e in che misura) in condizioni di emergenza che determino un uso esclusivo della didattica da remoto. Poi che dalle elementari all’università debba essere cura delle e degli insegnanti decodificare, orientare, selezionare i materiali non ci piove, non è che immaginassi una delega alla RAI, ma resta, a mio avviso, importate cogliere in positivo l’opportunità di un’esperienza estrema per riqualificare la produzione di un’azienda pubblica strategica, anche per la formazione indiretta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *