Vuoi ricevere un avviso sulle novità del nostro sito web?
Iscriviti alla nostra newsletter!

2 commenti

  1. La chiusura con i cancelli è più squallida sconfitta di una società che ama definirsi civile

  2. Il lavoro di ricerca di Rosanna Bonsignore è quanto mai importante in questo momento in cui stanno venendo al pettine molti nodi della passata Giunta ed in particolare quello della Galleria sulla quale molti articoli sono stati pubblicati. Sono stata contenta soprattutto di un intervento dell’Arch. U. Carughi che ha sottolineato molte cose importanti. Bene ha fatto Rosanna Bonsignore a ricordare qui che diversi anni fa si costituì un comitato – di cui chi scrive ha fatto parte attiva – proprio per affrontare il recupero di questa importante testimonianza della ns storia e della ns architettura, il cui presidente fu proprio il collega succitato. In quegli anni furono chiamate ad esprimersi sui vari differenti aspetti diverse personalità del mondo accademico e della cultura: i proff. Mangone e Sparacio, tra gli altri. Ci imbattemmo in un muro costituito dalla giunta precedente che – a parole fingeva di essere disponibile – ma poi di fatto faceva rimbalzare come su di un muro di gomma tutte le ns proposte. Tra i recenti articoli pubblicati con gioia ho letto di privati che vogliono partecipare ad un cambiamento delle cose, nonché il fatto che è stato programmato un incontro lunedì 17 p.v. in Prefettura sul tema: forse ci avviamo verso una risoluzione? Sicuramente è da ribadire – tra tante proteste pubblicate – che non bisogna dimenticare che la Galleria è un bene di valore storico/architettonico, come prima cosa e quindi da trattare secondo le disposizioni di legge, per cui (e nei lavori del comitato questo fu presto messo in luce) le relative problematiche non sono facilmente risolvibili con provvedimenti tipo “chiudiamo l’accesso con cancelli”…Non ricominciamo da zero: sfruttiamo il lavoro già fatto! Al riguardo altra notizia soddisfacente pubblicata è la prossima apertura in via Foria di una casa per clochards, con la speranza che con questo (accompagnando l’operazione con un intelligente “patteggiamento” con le varie associazioni benefiche che si occupano dei senza dimora) si ponga una prima pietra per la risoluzione dei diversi problemi che affliggono questo monumento (perché la Galleria “è Tale”…). Si vuol ricordare anche che il Settore Edilizia Monumentale del comune redasse anche il progetto per il consolidamento e recupero della pavimentazione: basterebbe aggiornarlo…. La nuova giunta ha un difficile compito da redigere…Sappiamo che la sua è una battaglia difficile e lunga, ma siamo fiduciosi… Se non ora, quando?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.